Sono banale e intollerante

Sono intollerante.
Sono banale ed intollerante.
Sono banalmente intollerante verso chi non tollera.
Sono banalmente intollerante verso i politici.
Sono banalmente intollerante verso chi opera solo per il proprio tornaconto.
Sono banalmente intollerante verso i soldi.
Sono banalmente intollerante verso chi vive per i soldi, verso chi farebbe qualsiasi cosa per soldi e potere.
Sono banalmente intollerante verso chi è servo del potere.
Sono banalmente intollerante verso chi ha paura del potere.
Sono banalmente intollerante verso chi si nutre della paura altrui.
Sono banalmente intollerante verso chi non ama.
Sono banalmente intollerante verso chi è indifferente, verso chi se ne frega.
Sono banalmente intollerante verso chi si nasconde.
Sono banalmente intollerante verso chi è convinto che non si può cambiare nulla.
Sono banalmente intollerante verso chi non vuole cambiare nulla.
Sono banalmente intollerante verso chi si fa accecare da quattro stronzate.
Sono banalmente intollerante verso la televisione.
Sono banalmente intollerante verso chi usa la televisione per usare le persone.
Sono banalmente intollerante verso chi ci crede... alla televisione.
Sono banalmente intollerante verso chi pensa con la televisione e non con la propria testa.
Sono banalmente intollerante verso chi non vuole conoscere, sapere, fare scelte proprie.
Sono banalmente intollerante verso chi non sogna.
Sono banalmente intollerante verso chi ficca il naso.
Sono banalmente intollerante verso chi si piange addosso.
Sono banalmente intollerante verso chi gode a star male, verso chi si fa compatire, perchè ognuno ha i propri cazzi, tutti allo stesso tempo grandi e piccoli ed i cazzi di ognuno vanno rispettati e chi li rispetta è chi tira avanti nonostante i propri cazzi, sempre avanti, a testa bassa, alla faccia dei propri cazzi. Gli altri son quelli che stanno fermi ad abbracciarseli i propri cazzi, a tenerseli stretti, perchè li hanno solo loro e solo quelli vogliono avere. Che ci pensino.
Sono banalmente intollerante verso chi non vive.
Sono banalm
ente intollerante verso i violenti.
Sono banalmente intollerante verso i falsi.
Sono banalmente intollerante verso i fascistelli del cazzo, che vadano e fare il saluto romano davanti a qualche deportato, ad un uomo vero, ad un uomo che è vivo, ad un uomo che è la loro sconfitta.
Sono banalmente intollerante verso chi mi considera una risorsa umana e non una persona.
Sono banalmente intollerante verso chi pensa che morta Eluana il problema è risolto.
Sono banalmente intollerante verso chi pensa che Eluana sia l'unica.
Sono banalmente intollerante verso chi "esporta la democrazia".
Sono banalmente intollerante verso chi ci prende in giro.
Sono banalmente intollerante verso quella Chiesa che vuole imporre la sua dottrina.
Sono banalmente intollerante verso la guerra.
Sono banalmente intollerante verso chi cerca di convincerci che per vivere bene bisogna essere fighi, ricchi ed alla moda.
Sono banalmente intollerante verso quei poveri cristi che ci credono e fingono di esserlo.
Sono banalmente intollerante verso di me, chè a volte ho paura di cascarci in tutto questo.
Sono banalmente intollerante perchè sono incazzato, incazzato nero, incazzato da far spavento.
Sono banalmente intollerante... stavolta non so verso chi... ma un abbraccio ancora di mio padre, solo uno... non mi farebbe poi tanto schifo.
Sono banalmente intollerante perchè amo, disperatamente amo la mia donna e mia figlia e guai a chi le tocca.
Sono intollerante e banale.
Sono banale.
Perchè spesso per essere intolleranti è necessario essere banali.
Se non ci fosse banalità in questa mia intolleranza non sarei intollerante verso ciò che è banale essere intollerabile.
Chi è banale non capirà.
Chi è intollerante non capirà

Cristian Riccardi

.