Riflessioni

Mi ritrovo a trascrivere alcune riflessioni su quanto è accaduto nell’anno

appena trascorso.

Per quanto riguarda il lavoro, se faccio un bilancio generale, tutto sommato non

è andata male, le mie responsabilità sono cresciute,e così pure le mie soddisfazioni.

 Esercito una professione che faccio volentieri, e anche il luogo dove lavoro mi piace,

Il modo di lavorare è libero, flessibile, a volte rischioso ,mi piace occuparmi delle persone che si trovano in difficoltà,

e mi sento felice quando vedo che utilizzando i mezzi dell’umanità , riesco

sempre a fare i primi passi, un compito   difficile, bisogna  dare tutto  se

stessi per infondere un minimo di fiducia e di coraggio , per ottenere una

piccola dose di collaborazione.

Con il mio fare  riesco in qualche modo ad andare avanti, se pur con fatica .

A volte mi capita di trovare situazioni che mi spaventano e in quel contesto mi

sento una bambina,  tutta la mia forza sembra svanita nel nulla, osservo, mi guardo intorno come se chiedessi aiuto, perché vedo   che la cosa è più grande di me .

Ma poi riflettendo mi dico : se tutti si fermano di fronte alle difficoltà chi

 aiuterà queste persone ?

Chi cercherà di alleviare le loro sofferenze?

 Chi darà loro un sorriso ,e la forza per ricominciare?

Non tutti hanno una famiglia che li possa aiutare, sono soli e abbandonati a loro stessi.

Purtroppo oggi viviamo in un mondo frenetico, tutti pensano a fare carriera , e ha guadagnare più soldi, uomini e donne sono presi da questo vortice che riempie giornate intere, uno strumento che allontana la vita dalle emozioni, non si ama, e non si odia,  ciò che conta è essere efficienti per arrivare sempre più in alto.

 Quando parlo con me stessa e faccio queste riflessioni ,sento qualcosa dentro di me,

i miei occhi si fanno lucidi di pianto, di calore, e di dolore , e questi sentimenti  mi spingono a dare un comunicato al mondo.

Cercate di dare una carezza e un sorriso a chi ne ha bisogno , domani verrete ripagati dalla vita!

mirella