L'urtimo giorno della vita mia

 

Si venissi a sapč che č l'urtimo giorno mio, forse cercherei tutti quanti,

pe' parlā, chiarė de tutto quello che nun sembrava ave' senso,

quello che nun poteva esse detto, penso,

pe' nun esse banale, patetico o paternale,

o solo pe' nun avč avuto spazio o  tempo,

quanno senza avvertimento, tutto se smorza come 'n lampo.

 

Forse spizzerei er monno da fōri e riderei de lui,

e come in una boccia de vetro lo guarderei a capoccia in gių,

co' la neve finta a cascā e coprė tutti i sogni dell'omini,

quelli stessi pei quali, dicevi tu,

poi riempė con tutti li colori 'na tela,

ma quer che conta, č trovā l'artra metā della mela.

 

Forse strillerei che er monno se fermasse a ride 'n pō,

e ridenno chiederei a tutti se ne valeva la pena o no,

de scenne dalla giostra per contā li respiri ed li battiti der core,

accorgese der cielo  d'inverno e der suo colore,

anche se me direste pazzo, perchč lo strillerei ridendo,

ar cielo, alla tera, nell'ultimo giorno mio der monno.

 

Si venissi a sapč che č l'urtimo giorno mio, tremerei,

sur bordo der salto de cui nessuno sa er fonno, nun s'č pronti mai,

sicuro pregherei e sentenno er core sartarme 'n petto

tornerei pargolo rannicchiato a letto,

a piagne ner buio ad aspettā de mi madre la voce,

o finirei p'affidamme e lassamme annā, sognanno la luce.

 

Forse uscirei pe' strada a camminā tra la gente,

o guiderei pe' ore senza pensā a gnente,

o magari romperei finarmente er muso a quer fio, suo amico prediletto,

amico pe' finta, noia o letto,

e tornerei a finė un gioco lasciato a metā,

a trovā  le onde de un mare sospeso, in un giorno griggio d'umiditā.

 

Forse ricorderei della  vita mia solo le cose pių belle, quelle

che scardano er core,

riuscirei a dimenticā i rimpianti e i rimorsi, a nun sentė  er dolore,

nun avč tristezza nč domanne, ma solo voia de compagnia,

con chi ha diviso con me, anche senza troppa simpatia,

tornā da chi ho deluso e fammele cantā duro e peggio,

ma alla fine sentė che non s'č spezzato il laccio.

 

Si venissi a sapč che č l'urtimo giorno mio, corerei a strillā sotto

casa de venė via,

tre amici co' chitara, tastiera e batteria,

pe' fa cagnara, sogni e vita, in una casa abbandonata

arivā fino a sera, all'urtima sonata,

e dopo un inchino e un brindisi cantando,

lassasse andā a tera dopo un lungo girotondo.

 

Forse co' te scennerei sur fonno der mare,

e lė steso mano nella mano, te chiederei de lassamme dormė,

scordanno la paura, abbandonanno la sorte,

perchč in fonno ar blu, se pō affogā anche la morte,

oppure tenecce abbraccicati stretti stretti a fā l'amore,

tra li pesci, li coralli, le corenti der mare e quelle der cōre.

 

Forse capenno che la favola č finita, la finirei de fā er matto,

chiuderei li cassetti aperti,  riccoierei le carzette e rifarei er letto,

farei la tavola bella, inviterei tutti, me n'anrei quatto e chiuderei la porta,

e lasserei accanto alla candela, 'na scatola de sorisi ar posto della torta,

cosė chč ve trovereste insieme a ride, ride e ride ancora,

che quel giorno l'avrei fottuto, come nun ce fosse mai stata l'ora.

 

 

Nik 21 - Dicembre 2007