Quando sono nata,un fagottino piccolo e peloso...
ultima di sei fratelli pensa un po'!!!
Tu quattro anni piu' vecchio di me!!!
eri li che mi aspettavi per non lasciarmi piu'.
Giorni belli la mia fanciullezza,ero un maschiaccio,
forse piu' di te,mi difendevi e le prendevi
sempre pur di difendere me.
Da ragazzi a ridere e scherzare,
d'estate,le notti al mare con gli amici
i canti i balli ed i falo  era meraviglioso
stare insieme. Con uno sguardo noi ci
capivamo, tra noi complicita' ,amore e lealta'.
Siamo diventati adulti,famiglia, figli ,niente ci ha divisi.
Ricordo la paura sul tuo viso,quando il
cancro mi si presento',tu sempre al mio fianco ,
fino al giorno in cui sono guarita...
Ancora non sapevamo che la vita
altre prove ci aveva riservato...
Fosti tu ad ammalarti...ma... il cancro di te....
purtroppo non ebbe pieta'........
In un giorno di Pasqua mi hai lasciata....
come un uccellino indifeso a cui avrei fatto dono
della mia vita. Sono tre anni, e tu mi manchi tanto...
anche se so che mi sei sempre accanto.
Mi succede a volte una strana cosa !!!
mi sembra d'incontrarti per la strada!!!
Sara' un abbaglio? Una rassomiglianza???
mi sorridi e dopo te ne vai.
Ti voglio bene e so che un giorno
quando ti raggiungero' in Paradiso
la nostra vita ricomincera'.

Ho dedicato questa nota a mio fratello Aldo,
non voglio rattristare nessuno perche'
lui non vorrebbe.

Tina